portaledonna - Diritti
Home arrow Diritti
Sabato 18 Novembre 2017

Login





Password dimenticata?
Nessun account? Registrati
 
Annuncio Pubblicitario
Diritti
USCIAMO DAL SILENZIO
LA LIBERTA’ FEMMINILE ALL’ORIGINE DELLA VITA
Il 14 gennaio saremo in piazza perché:
1) C’è un evidente e insidioso attacco alla 194, una legge che funziona, autorizzando l’aborto senza favorirlo, proteggendo la salute delle donne e diminuendo drasticamente il numero delle interruzioni di gravidanza.
L’indagine voluta dal ministro Storace, le proposte di guardiani della morale e di dissuasori nei consultori, i ripetuti violenti attacchi delle gerarchie ecclesiastiche all’autodeterminazione-oltre a penalizzare la professionalità degli operatori-rappresentano un’intimidazione nei confronti delle donne, soprattutto delle giovanissime e delle straniere.
Leggi tutto...
 
Pacs e matrimonio
Patto civile di solidarietà e matromonio
3 dicembre, Milano
Leggi tutto...
 
Dibattito sui pacs
PACS Patto civile di solidarietà
26 novembre, Modena
Leggi tutto...
 
Inchiesta sui Pacs
Matrimonio, il 35% dei gay dice "sì", il 18% vuole i Pacs
Inchiesta di Gay.it. Prodi: "Giusto regolare le convivenze"
Leggi tutto...
 
Resconto dell'incontro del Forum donne Prc
Legge 40, come continuare la sfida dopo la sconfitta del referendum
Leggi tutto...
 
Il Gruppo dei "15" per il copyleft
A colloquio con Monica Mazzitelli, coordinatrice del gruppo nato dall'esperienza del collettivo Wu Ming, che valuta tutto il materiale letterario che arriva in rete.
Finora sono stati pubblicati tre romanzi, con tanto di contratto per l'autore Leggere tanto, leggere tutti: la battaglia dei "15" per il copyleft

Leggi tutto...
 
Ippolita: progetto per comunità di scriventi
Un server del desiderio
Il progetto Ippolita Un forum di discussione, una collana editoriale, la condivisione di programmi informatici in nome della critica al software proprietario

Leggi tutto...
 
Ovociti sul libero mercato
La clonazione terapeutica potrebbe aprire il mercato degli ovuli
di Antonio Gorrini - Tempo Medico n. 796 - 16 giugno 2005

Quasi duecento ovociti prelevati da 18 giovani donne fertili sono stati utilizzati da Woo Suk Hwang per produrre le prime cellule staminali embrionali derivate da pazienti. Lo studio coreano, pubblicato con grande clamore su Science le scorse settimane, dimostra la possibilità dell'uso terapeutico del trasferimento di nucleo, ma pone anche la questione di possibili speculazioni commerciali nell'uso di cellule uovo.
Leggi tutto...
 
Appello al presidente della Repubblica ...
... dei centri di fecondazione assistita
Chiarissimo Signor Presidente della Repubblica,

Noi sottoscritti Medici e Biologi della Riproduzione, sentiamo il bisogno di scriverLe e di chiederLe aiuto; non soltanto perché nostro Presidente, ma anche perché in Lei riconosciamo la figura super partes di Garante della legalità democratica e istituzionale.

Leggi tutto...
 
UDI (Unione Donne Italiane) ...
... una riflessione su chi ha vinto i referendum sulla PMA
Unione Donne Italiane - un'amara riflessione sull'esito referendario e sulle sue possibile conseguenze.
Leggi tutto...
 
Il femminismo e l'incapacità di fare politica
A proposito dell'articolo di Lea Melandri e l'insuccesso dei quesiti referendari
Da
Liberazione, 22 giugno 2005
Leggi tutto...
 
La partecipazione delle donne alla campagna referendaria
Il movimento femminista degli anni '70 non c'è più? E' evidente: siamo nel 2005!
Da
Liberazione, 22 giugno 2006
Leggi tutto...
 
Referendum, perché la cultura laica è stata sconfitta
Non basta più l'invettiva contro le gerarchie ecclesiastiche
Da
Liberazione, 16 giugno 2005
Leggi tutto...
 
Dopo la procreazione, l'aborto
Presentato a Roma dal cardinal Ruini e dal presidente del senato Marcello Pera, il libro di Joseph Ratzinger «L'Europa di Benedetto». Una sfida ai laici e un attacco esplicito alla 194
Da
Il Manifesto, 22 giugno 2005
Leggi tutto...
 
Procreazione: neoconservatori? No, disimpegnati
La prima ricerca a campione sull'astensionismo al referendum del 12 e 13 giugno
ANDREA FABOZZI
Da
Il Manifesto, 22 giugno 2005
Leggi tutto...
 
Non solo referendum

06.gifPMA/1 (Roma) “Non solo referendum” è il titolo del documento che invitava ad incontrarsi per mettere in comune pratiche e discorsi sui temi relativi ai referendum del 12 e 13 giugno. Mentre in tutta Italia si moltiplicano le iniziative per favorire un voto consapevole, l’appuntamento di sabato 21 maggio alla Casa Internazionale delle Donne di Roma ha l’obiettivo di offrire le basi per un percorso di lungo periodo, di cui il momento referendario sarà solo una tappa. In questo documento, Luisa Boccia e Grazia Zuffa scrivevano del “bisogno di ritrovare un ordine del discorso che ricomponga la frantumazione dei processi riproduttivi indotta dalle tecnologie, che dia un senso al materiale biologico separato dai corpi viventi”, della necessità di capire che cosa fare degli embrioni prodotti in provetta, della loro tutela, dei limiti da porre alla ricerca.

Leggi tutto...
 
Corpo di Donna

immaginidipubblicousomourgefile.comPare un fatto talmente ovvio che si nasca dal corpo di una donna. Eppure non lo è se pensiamo che su questo “grado zero” della procreazione sono tracciate le coordinate in base a cui la nostra società modella femminilità e maschilità.

Intervento di Eleonora Cirant,
dell'Unione Femminile Nazionale
e autrice di un libro sul tema di prossima uscita, nell'incontro organizzato dall'associazione "Le Rosse di Eva" ad Assago (8 aprile 2005)

Leggi tutto...
 
Procreazione assistita

immagini di pubblico uso morguefile.comAspetti giuridici - Il Diritto delle Donne

Dal punto di vista del diritto, in tema di "procreazione", dobbiamo parlare degli istituti familiari, giuridicamente intesi: nel diritto di famiglia troviamo, infatti, le regole che disciplinano l'esigenza primaria dell'essere umano della sessualità, della riproduzione della specie - filiazione, dell'educazione e dell¹allevamento della prole.

Intervento di Giovanna Chiara,
Avvocato, nell'incontro organizzato dall'associazione
"Le Rosse di Eva" ad Assago (8 aprile 2005)

Leggi tutto...
 
Referendum: fecondazione assistita e la libertà di ricerca

Sulle questioni di coscienza
e sulla difesa della vita

IO NON MI ASTENGO
frecce.gifPer consentire alla ricerca
di trovare terapie per malattie
      oggi incurabili

frecce.gifPer permettere alle coppie
sterili di avere figli

frecce.gifPer restituire ai medici
la scelta delle terapie
      migliori per le loro pazienti

frecce.gifPer difendere la dignità
della donna
IO VOTO 4 VOLTE SÌ
Articoli collegati
quadratino02.gif Io non mi astengo!
quadratino02.gif I 4 referendum
quadratino02.gif 4 sì per abrogare la legge
quadratino02.gif 4 sì per la libertà ...
quadratino02.gif 4 sì per la libertà di ricerca ...
quadratino02.gif 4 sì contro l'equiparazione ...
quadratino02.gif 4 sì anticlericali ...
quadratino02.gif 4 sì per restituire al medico...
quadratino02.gif 4 sì per consentire  ...
quadratino02.gif 4 sì per la fecondazione ...
 

Radicali Italiani
Associazione Luca Coscioni
Via di Torre Argentina, 76 - Roma Info:
Tel. +39 06 689791
Fax. + 39 06 68805396
www.4si.it


 
4 si per la fecondazione eterologa
La fecondazione eterologa è l’unico rimedio possibile in caso di infertilità totale.
Proibendola, la legge impedisce alle coppie completamente sterili di avere figli, ponendo in essere una discriminazione inaccettabile. Gli esclusi sarebbero, ad esempio, persone che a seguito di interventi chirurgici o trattamenti antitumorali sono diventate sterili, così come i portatori di gravi malattie trasmissibili.

La paternità e la maternità, così come la vita, non possono essere ridotte a un dato meramente genetico. Secondo la legge italiana lo stato giuridico di padre si acquista con una manifestazione di volontà di chi si riconosce come genitore nei modi previsti dall'art. 254 c.c, e non è necessario dimostrare di essere il genitore biologico.
 
“Nel caso della proibizione della donazione di gameti si è voluto ignorare la pluralità di modelli genitoriali e familiari che la stessa adozione aveva messo in gioco, nel tentativo di legittimare un’unica forma di famiglia tradizionale basata su legami biologici, senza alcuna considerazione riguardo al fatto che il concetto di famiglia va rapidamente cambiando nel vissuto comune e accanto al “legame di sangue” esistono altri legami basati sull’affetto e sull’assunzione di responsabilità. Inoltre riteniamo che nessuno abbia il diritto di giudicare il desiderio di procreare degli altri, distinguendo i desideri di paternità e maternità in buoni e cattivi, altruisti ed egoisti, e soprattutto pare assurdo che questa operazione si possa fare solo sulle coppie che hanno un handicap riproduttivo, che in questo modo si troverebbero a dover provare la loro adeguatezza a esser genitori.” (Claudia Livi e Elisabetta Chelo, “Il divieto di fecondazione eterologa nega la solidarietà e fraintende la famiglia”, Darwin, n. 4 2004)
 
Non esiste alcuna evidenza scientifica della tesi secondo la quale i bambini nati da fecondazione eterologa sarebbero infelici o vittime di disturbi psicologici. Esistono anzi evidenze contrarie. Scegliere di affrontare i costi psicologici, fisici e finaziari della fecondazione eterologa, infatti, rappresenta per la coppia una decisione difficile e ragionata, e richiede uno sforzo di amore e di responsabilità se possibile maggiore di quello già necessario nel momento in cui si decide di mettere al mondo un figlio.

L’unico effetto di questa legge è quello di impedire a migliaia di persone di avere figli, a migliaia di bambini di nascere e di introdurre per legge odiose discriminazioni, non da ultimo la discriminazione tra le coppie che potranno permettersi di andare all’estero per effettuare la fecondazione eterologa, e coppie che non potranno farlo.

A cura di
Radicali Italiani - Associazione Luca Coscioni www.4si.it

Articoli collegati
quadratino02.gif Io non mi astengo
quadratino02.gif I 4 referendum
quadratino02.gif 4 sì per abrogare la legge
quadratino02.gif 4 sì per la libertà di compiere un atto d'amore
quadratino02.gif 4 sì per la libertà di ricerca scientifica e la di cura di milioni di malati
quadratino02.gif 4 sì contro l'equiparazione tra concepito e persona
quadratino02.gif 4 sì anticlericali per la libertà religiosa
quadratino02.gif 4 sì per restituire al medico la libertà terapeutica
quadratino02.gif 4 sì per consentire la diagnosi preimpianto
quadratino02.gif 4 sì per la fecondazione eterologa 

Per saperne di più
• Autori vari, “Speciale fecondazione assistita”, Darwin bimestrale di scienze, n. 4, novembre-dicembre 2004, 6 euro
• Chiara Lalli, “Libertà procreativa”, Liguori editore, 2004, 207 pagine, 14 euro
• Demetrio Neri,“La bioetica in laboratorio”, Laterza, 2004, pagine 212, 10 euro
• Chiara Valentini, “La fecondazione proibita”, Feltrinelli, 2004, 185 pagine, 13 euro
• Sito internet del Notiziario Cellule Staminali http://aduc.staminali.it
• Sito internet della Società Italiana di Embriologia Riproduzione e Ricerca
http://www.sierr.unina.it

Comitati per il no e per l’astensione ai referendum
Scienza & vita. Comitato per la legge 40/2004 http://www.fecondazioneartificiale.info
L’Avvenire http://www.impegnoreferendum.it
Movimento per la vita http://www.mpv.org

A cura dell'Associazione Luca Coscioni per la libertà di ricerca scientifica
Testi di Diego Galli Indirizzo e-mail protetto dal bots spam , deve abilitare Javascript per vederlo
Si ringraziano per la collaborazione il dott. Luigi Montevecchi, Elisa Zonta e Giuseppe Regalzi.
Leggi tutto...
 
4 si per consentire la diagnosi preimpianto
30 mila bambini nascono ogni anno con gravi malformazioni. La diagnosi reimpianto consente di individuare gli embrioni privi di gravi malattie genetiche e di conseguenza di impiantare nell’utero questi e non gli altri.
 
La diagnosi preimpianto consiste nell’effettuare su una cellula dell’embrione allo stadio di 6-8 cellule, cioè dopo tre giorni dalla fecondazione, un test genetico per verificare la presenza di malattie ereditarie.
 
La legge 40 non proibisce la diagnosi preimpianto, ma costringendo la donna all’impianto di tutti e tre gli embrioni, anche se malati, di fatto la rende inutile. Inoltre la legge 40 impedisce di ricorrere alla fecondazione assistita alle coppie che, pur non essendo sterili, abbiano un’alta probabilità di trasmettere una malattia genetica.
 
Questo divieto è tanto più assurdo, in quanto la legge sull’aborto consente alla donna di interrompere la gravidanza nel caso in cui, a seguito di un’amniocentesi, dovesse scoprire che l’embrione è portatore di una malattia genetica. Il paradosso è che quello che non viene consentito dopo poche ore di vita dell’embrione, è autorizzato dalla legge dopo qualche mese, in uno stadio più avanzato della gravidanza.
 
Vietare la selezione degli embrioni a seguito della diagnosi preimpianto non significa salvare dalla morte gli embrioni portatori di malattie genetiche. Per molte coppie portatrici di malattie genetiche l’alternativa non è tra diagnosi preimpianto e far nascere un bambino malato. L’alternativa è tra la scelta dell’aborto terapeutico e la rinuncia ad avere un bambino. A quante persone “in potenza” questa legge impedirà di venire alla luce, obbligando queste coppie a rinunciare a mettere al mondo un figlio?
 
Al contrario di quanto affermano i sostenitori della legge 40, la diagnosi reimpianto non ha nulla a che vedere con l’eugenetica. Mentre l’eugenetica è imposta dallo stato obbligatoriamente ai cittadini in nome dell’ideologia del miglioramento della specie, la diagnosi preimpianto è una libera scelta individuale.
 
L’eliminazione degli embrioni con malformazioni genetiche, inoltre, è un processo che avviene costantemente nella tanto decantata fecondazione naturale. L’80% degli embrioni, infatti, vengono eliminati naturalmente nel corso della gravidanza. Nella maggior parte dei casi questo processo di selezione serve a eliminare gli embrioni con anomalie genomiche.

A cura di
Radicali Italiani - Associazione Luca Coscioni www.4si.it

Articoli collegati
quadratino02.gif Io non mi astengo
quadratino02.gif I 4 referendum
quadratino02.gif 4 sì per abrogare la legge
quadratino02.gif 4 sì per la libertà di compiere un atto d'amore
quadratino02.gif 4 sì per la libertà di ricerca scientifica e la di cura di milioni di malati
quadratino02.gif 4 sì contro l'equiparazione tra concepito e persona
quadratino02.gif 4 sì anticlericali per la libertà religiosa
quadratino02.gif 4 sì per restituire al medico la libertà terapeutica
quadratino02.gif 4 sì per consentire la diagnosi preimpianto
quadratino02.gif 4 sì per la fecondazione eterologa 
 
<< Inizio < Prec. 1 2 Pross. > Fine >>

Risultati 1 - 25 di 30
 
Home | Primo Piano | Associazioni | Identità | Corpi | Società | Diritti | Politica | Cultura | Globalizzazione | Cerca | Contatti | Links |

Valid CSS!

Calendario Eventi
Novembre 2017
Do Lu Ma Me Gi Ve Sa
2930311 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 1 2
Notizie siti collegati

Unione Femminile

Centro Progetti Donna
© 2017 portaledonna - webmaster
Joomla! è un software libero realizzato sotto licenza GNU/GPL..