portaledonna - Diritti
Home arrow Diritti
Venerdì 19 Aprile 2019

Login





Password dimenticata?
Nessun account? Registrati
 
Annuncio Pubblicitario
Diritti
4 sì per la libertà di compiere un atto di amore
Che cosa pensereste di uno Stato che proibisse a una determinata categoria di persone di avere figli?

E’ quello che avviene in Italia con la legge 40 sulla fecondazione assistita.
 
Nel nostro Paese una coppia su 5 ha problemi di sterilità. Se prima della legge una parte di queste coppie poteva beneficiare delle tecniche di fecondazione assistita per mettere al mondo un figlio, oggi per molti non è più possibile. A queste persone è impedito per legge di avere figli.
 
Grazie alla fecondazione assistita in Italia sono nati più di 50 mila bambini. Una buona parte di questi bambini non sarebbero mai venuti al mondo con questa legge.
 
Non sta scritto da nessuna parte che un evento casuale della natura, come la sterilità, debba impedire a centinaia di migliaia di coppie di avere figli, imponendo una discriminazione basata sulle condizioni di salute.
 
La fecondazione assistita è una delle modalità possibili per mettere al mondo dei figli. Non è più innaturale del parto cesareo, dell’ecografia, delle incubatrici, delle medicine, interventi artificiali utilizzati normalmente per aumentare le probabilità di avere un bambino.
 
La legge 40 rappresenta un grave passo indietro nel cammino verso una sessualità e una riproduzione libere e responsabili.
 
Votando sì ai referendum non si difende il diritto alla fecondazione assistita. Si difende il diritto alla libertà di scelta e di coscienza, che include la libertà di procreare come, quando e quante volte lo desiderino gli individui. In uno Stato liberale per reprimere una libertà occorre che il suo esercizio provochi un danno alla libertà di un’altra persona. Mettere al mondo un figlio con la fecondazione assistita non è un’attività criminale. Mettere al mondo un figlio è un atto di amore.

A cura di
Radicali Italiani - Associazione Luca Coscioni www.4si.it

Articoli collegati
quadratino02.gif Io non mi astengo
quadratino02.gif I 4 referendum
quadratino02.gif 4 sì per abrogare la legge
quadratino02.gif 4 sì per la libertà di compiere un atto d'amore
quadratino02.gif 4 sì per la libertà di ricerca scientifica e la di cura di milioni di malati
quadratino02.gif 4 sì contro l'equiparazione tra concepito e persona
quadratino02.gif 4 sì anticlericali per la libertà religiosa
quadratino02.gif 4 sì per restituire al medico la libertà terapeutica
quadratino02.gif 4 sì per consentire la diagnosi preimpianto
quadratino02.gif 4 sì per la fecondazione eterologa 
 
4 sì per abrogare la legge 40
La legge 40 vieta la ricerca sulle cellule staminali embrionali, la più promettente per malattie oggi incurabili (come diabete, Parkinson, sclerosi, infarti,…) che colpiscono in Italia circa 10 milioni di persone. La legge vieta qualsiasi ricerca sugli embrioni, compresi quelli soprannumerari destinati ad essere eliminati. La legge vieta anche la clonazione terapeutica.
 
La legge 40 stabilisce l’equivalenza tra embrione e persona. Per la prima volta nel nostro ordinamento si sancisce il principio di equivalenza tra un ovulo fecondato ed un individuo umano titolare di diritti, in palese contraddizione anche con la legge sull’aborto.
 
La legge 40 è un tentativo di imporre attraverso la repressione statale i precetti morali predicati dalle gerarchie ecclesiastiche. E’ stata approvata sotto la pressione delle gerarchie vaticane, le stesse che ora tentano di far fallire il referendum con l’astensione.
 
La legge 40 obbliga il medico a trattamenti pericolosi per la salute della donna. Limitando a tre il numero degli ovociti da fecondare, e impedendo il congelamento degli embrioni, la legge diminuisce le probabilità di successo della fecondazione assistita, costringendo le donne a ripetuti trattamenti che aumentano il rischio di danni alla salute. L’obbligo di impiantare tre embrioni aumenta le probabilità di gravidanze trigemellari, pericolosissime sia per la donna che per il feto.
 
La legge 40 vieta l’accesso alle tecniche di procreazione assistita alle coppie portatrici di malattie genetiche, ma non sterili. In Italia, considerando le diverse malattie genetiche, è un problema che riguarda centinaia di migliaia di coppie.
 
Le legge 40 impedisce di avere un figlio quando entrambi, o uno dei due membri della coppia, siano completamente sterili. E' infatti vietata la fecondazione eterologa. Un divieto che colpisce, ad esempio, le donne che a causa di un trattamento di chemioterapia siano diventate sterili.

A cura di
Radicali Italiani - Associazione Luca Coscioni www.4si.it

Articoli collegati
quadratino02.gif Io non mi astengo
quadratino02.gif I 4 referendum
quadratino02.gif 4 sì per abrogare la legge
quadratino02.gif 4 sì per la libertà di compiere un atto d'amore
quadratino02.gif 4 sì per la libertà di ricerca scientifica e la di cura di milioni di malati
quadratino02.gif 4 sì contro l'equiparazione tra concepito e persona
quadratino02.gif 4 sì anticlericali per la libertà religiosa
quadratino02.gif 4 sì per restituire al medico la libertà terapeutica
quadratino02.gif 4 sì per consentire la diagnosi preimpianto
quadratino02.gif 4 sì per la fecondazione eterologa 
 
i 4 referendum
1. Per la salute della donna
2. Per la fecondazione eterologa
3. Per la libertà di ricerca scientifica
4. Per l’autodeterminazione e la tutela della salute della donna

i referendum in cifre
10 milioni i malati italiani che potrebbero essere curati se la ricerca sulle cellule staminali avrà successo
20% le coppie con problemi di sterilità (una su cinque)
80 su 100 gli embrioni che muoiono per cause naturali nel corso della gravidanza
90 le malattie genetiche che la diagnosi preimpianto, oggi proibita, può evitare
30 mila gli embrioni soprannumerari destinati alla distruzione che la legge 40 proibisce di utilizzare per la ricerca scientifica
50 mila bambini italiani nati grazie alla fecondazione  assistita
3 milioni le firme di cittadini raccolte per i referendum contro la legge 40

A cura di
Radicali Italiani - Associazione Luca Coscioni www.4si.it

Articoli collegati
quadratino02.gif Io non mi astengo
quadratino02.gif I 4 referendum
quadratino02.gif 4 sì per abrogare la legge
quadratino02.gif 4 sì per la libertà di compiere un atto d'amore
quadratino02.gif 4 sì per la libertà di ricerca scientifica e la di cura di milioni di malati
quadratino02.gif 4 sì contro l'equiparazione tra concepito e persona
quadratino02.gif 4 sì anticlericali per la libertà religiosa
quadratino02.gif 4 sì per restituire al medico la libertà terapeutica
quadratino02.gif 4 sì per consentire la diagnosi preimpianto
quadratino02.gif 4 sì per la fecondazione eterologa 
 
Referendum
Sulle questioni di coscienza e  sulla difesa della vita
IO NON MI ASTENGO
Per consentire alla ricerca di trovare terapie per malattie oggi incurabili
Per permettere alle coppie sterili di avere figli
Per restituire ai medici la scelta delle terapie migliori per le loro pazienti
Per difendere la dignità della donna
IO VOTO 4 VOLTE SÌ
Radicali Italiani – Associazione Luca Coscioni
Via di Torre Argentina, 76 – 00165 Roma
Tel. +39 06 689791 Fax. + 39 06 68805396 -
www.4si.it
Leggi tutto...
 
Referendum
Sulle questioni di coscienza e  sulla difesa della vita
IO NON MI ASTENGO
Per consentire alla ricerca di trovare terapie per malattie oggi incurabili
Per permettere alle coppie sterili di avere figli
Per restituire ai medici la scelta delle terapie migliori per le loro pazienti
Per difendere la dignità della donna
IO VOTO 4 VOLTE SÌ
Radicali Italiani – Associazione Luca Coscioni
Via di Torre Argentina, 76 – 00165 Roma
Tel. +39 06 689791 Fax. + 39 06 68805396 -
www.4si.it
Leggi tutto...
 
Altri articoli...
<< Inizio < Prec. 1 2 Pross. > Fine >>

Risultati 26 - 30 di 30
 
Home | Primo Piano | Associazioni | Identità | Corpi | Società | Diritti | Politica | Cultura | Globalizzazione | Cerca | Contatti | Links |

Valid CSS!

Calendario Eventi
Aprile 2019
Do Lu Ma Me Gi Ve Sa
311 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 1 2 3 4
Notizie siti collegati

Unione Femminile

Centro Progetti Donna
© 2019 portaledonna - webmaster
Joomla! è un software libero realizzato sotto licenza GNU/GPL..