portaledonna - 4 si per consentire la diagnosi preimpianto
Home arrow Diritti arrow 4 si per consentire la diagnosi preimpianto
Venerdý 23 Agosto 2019

Login





Password dimenticata?
Nessun account? Registrati
 
Annuncio Pubblicitario
4 si per consentire la diagnosi preimpianto | Stampa |
30 mila bambini nascono ogni anno con gravi malformazioni. La diagnosi reimpianto consente di individuare gli embrioni privi di gravi malattie genetiche e di conseguenza di impiantare nell’utero questi e non gli altri.
 
La diagnosi preimpianto consiste nell’effettuare su una cellula dell’embrione allo stadio di 6-8 cellule, cioè dopo tre giorni dalla fecondazione, un test genetico per verificare la presenza di malattie ereditarie.
 
La legge 40 non proibisce la diagnosi preimpianto, ma costringendo la donna all’impianto di tutti e tre gli embrioni, anche se malati, di fatto la rende inutile. Inoltre la legge 40 impedisce di ricorrere alla fecondazione assistita alle coppie che, pur non essendo sterili, abbiano un’alta probabilità di trasmettere una malattia genetica.
 
Questo divieto è tanto più assurdo, in quanto la legge sull’aborto consente alla donna di interrompere la gravidanza nel caso in cui, a seguito di un’amniocentesi, dovesse scoprire che l’embrione è portatore di una malattia genetica. Il paradosso è che quello che non viene consentito dopo poche ore di vita dell’embrione, è autorizzato dalla legge dopo qualche mese, in uno stadio più avanzato della gravidanza.
 
Vietare la selezione degli embrioni a seguito della diagnosi preimpianto non significa salvare dalla morte gli embrioni portatori di malattie genetiche. Per molte coppie portatrici di malattie genetiche l’alternativa non è tra diagnosi preimpianto e far nascere un bambino malato. L’alternativa è tra la scelta dell’aborto terapeutico e la rinuncia ad avere un bambino. A quante persone “in potenza” questa legge impedirà di venire alla luce, obbligando queste coppie a rinunciare a mettere al mondo un figlio?
 
Al contrario di quanto affermano i sostenitori della legge 40, la diagnosi reimpianto non ha nulla a che vedere con l’eugenetica. Mentre l’eugenetica è imposta dallo stato obbligatoriamente ai cittadini in nome dell’ideologia del miglioramento della specie, la diagnosi preimpianto è una libera scelta individuale.
 
L’eliminazione degli embrioni con malformazioni genetiche, inoltre, è un processo che avviene costantemente nella tanto decantata fecondazione naturale. L’80% degli embrioni, infatti, vengono eliminati naturalmente nel corso della gravidanza. Nella maggior parte dei casi questo processo di selezione serve a eliminare gli embrioni con anomalie genomiche.

A cura di
Radicali Italiani - Associazione Luca Coscioni www.4si.it

Articoli collegati
quadratino02.gif Io non mi astengo
quadratino02.gif I 4 referendum
quadratino02.gif 4 sì per abrogare la legge
quadratino02.gif 4 sì per la libertà di compiere un atto d'amore
quadratino02.gif 4 sì per la libertà di ricerca scientifica e la di cura di milioni di malati
quadratino02.gif 4 sì contro l'equiparazione tra concepito e persona
quadratino02.gif 4 sì anticlericali per la libertà religiosa
quadratino02.gif 4 sì per restituire al medico la libertà terapeutica
quadratino02.gif 4 sì per consentire la diagnosi preimpianto
quadratino02.gif 4 sì per la fecondazione eterologa 
 
 
Home | Primo Piano | Associazioni | IdentitÓ | Corpi | SocietÓ | Diritti | Politica | Cultura | Globalizzazione | Cerca | Contatti | Links |

Valid CSS!

Calendario Eventi
Agosto 2019
Do Lu Ma Me Gi Ve Sa
282930311 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
Notizie siti collegati

Unione Femminile

Centro Progetti Donna
© 2019 portaledonna - webmaster
Joomla! è un software libero realizzato sotto licenza GNU/GPL..