portaledonna - Il potere dello stupro
Home arrow Società arrow Il potere dello stupro
Domenica 19 Maggio 2019

Login





Password dimenticata?
Nessun account? Registrati
 
Annuncio Pubblicitario
Il potere dello stupro | Stampa |
Liberazione, 29 giugno 2005
http://www.liberazione.it/giornale/050629/archdef.asp
Monica Lanfranco
Potere.gifChi l'ha raggiunta e l'ha vista dice che, per un attimo, sul suo volto sempre teso e ansioso si è disegnato un sorriso, un sorriso che per tre lunghi anni era stato solo un miraggio.
L'incubo non è finito, per Mukhtar Mai, oggi trentatreenne maestra di una piccolissima zona rurale del Pakistan, il villaggio di Meerwala nel Punjab meridionale. Tre anni fa, il 22 giugno del 2002, Mukhtar pagò per lo sgarro del fratello più piccolo, lo "sfacciato Shakoor", reo di aver frequentato una ragazza di una casta più elevata.
A lui fu inflitta la sodomizzazione, ma ci voleva una pena esemplare, per scoraggiare altri eventuali Shakoor, secondo il consiglio degli anziani. E lo stupro collettivo di Mukhtar era stata la pena esemplare. Non solo: la violenza di gruppo si era verificata sotto gli occhi di oltre 200 uomini, un atroce corollario tribale a cornice dell'abuso.
Mukhtar aveva visto, pochi mesi dopo, i suoi violentatori assolti, ma oggi ecco lo spiraglio: cinque tra gli stupratori saranno riprocessati, e quindi c'è speranza. Speranza che giustizia sia fatta, speranza che la vita dimidiata di questa donna che appare nelle foto con un'espressione sofferente e salda allo stesso tempo possa prendere un'altra piega, speranza che, se riconosciuto il reato di stupro, si possa avviare nel paese un processo che, in tante, le donne pakistane sognano.
Secondo la Commissione pakistana per la difesa dei diritti umani nel paese ogni due ore viene violata una donna: nel Punjab la media sarebbe di quattro stupri ogni 24 ore mentre ogni quattro giorni si avrebbe una violenza di gruppo. Nel 2004 la polizia del Pakistan ha ricevuto appena 320 denunce di altrettanti reati sessuali, e solo 39 uomini, un numero ridicolo, sono stati arrestati, per poi quasi sempre essere rimessi in libertà. Libertà che, per le vittime come Mukhtar, significa vivere sotto la minaccia mortale della vendetta per aver denunciato. Questa donna, che da sola ha messo su due scuole per bambine, dove insegna loro a leggere e a scrivere, un privilegio raro nella zone di campagna, volentieri avrebbe fatto a meno della ribalta mediatica che oggi la circonda.
Ha imparato a spese del suo corpo e del suo equilibrio, per sempre, che il patriarcato e il fondamentalismo si alimentano e si fondano sulla violenza. Dove abbia trovato la forza per resistere alla fortissima spinta che c'è, per le vittime di stupro, verso il suicidio, non è dato sapere. Ma di certo la sua storia e il suo dignitoso coraggio sono serviti e serviranno. Piano piano cominciano a emergere altre vicende analoghe al caso di Mukhtar. Come quella della denuncia, l'anno scorso, da parte di una madre dello stupro della figlia minorenne. In una rara sfida ad una società che tende a scoraggiare le vittime a denunciare Barkat, la madre della piccola Sharee ha reso pubblico il fatto, avvenuto in una baraccopoli alla periferia di Lahore. Con l'aiuto di Ong locali ha organizzato una conferenza stampa per chiedere che lo stupratore di sua figlia venga punito. «I vicini di casa mi hanno chiamata bugiarda, mi hanno sputato e lanciato addosso oggetti, racconta Barkat; l'intera famiglia è terrorizzata, perché potrebbero attaccarci in massa, ma qui stiamo parlando della vita di mia figlia, ed io voglio giustizia». Le organizzazioni contro la violenza alle donne dicono che genitori determinati come Barkat sono rari. Le cause spesso si trascinano per anni, durante i quali aumentano le pressioni sulla famiglia della vittima, affinché smetta di "sciorinare i suoi panni sporchi" in pubblico.
Se la vittima non è in grado di produrre quattro testimoni maschi che garantiscano del suo buon comportamento è assai facile che finisca per essere incriminata per "hudood", che criminalizza il sesso extraconiugale: per tale ‘crimine', la pena prevista è la morte. Secondo la Commissione sono circa il 50% le donne stuprate che, dopo la denuncia, vengono incriminate. «Su 75 casi quattro finiscono in tribunale, e forse uno termina con una condanna dell'aggressore» racconta Fatima Ambreen, coordinatrice di War Against Rape, la Ong nata nel 1990 da un gruppo di 15 cittadine che ha oggi sedi nelle maggiori città pakistane. «La gente ha la tendenza a chiudere gli occhi su qualcosa che ha la disperata necessità di essere visto, dice Ambreen, perciò dobbiamo rompere il tabù, e mettere fine al silenzio».
Quello che Mukhtar, Barkat e le altre coraggiose donne ci stanno chiedendo di ricordare è che colpevole non è solo chi esegue il delitto, ma anche i mandanti. E chi stupra sa bene che, più ancora che il togliere la vita, la violazione del corpo di una donna, di una bambina, di un bambino è il modo più efferato ed efficace per marchiare del proprio potere la vittima. Il femminismo ha detto a chiare lettere che la violenza sessuale è questione di relazione di potere, non di relazione sessuale; è il modo attraverso il quale la riduzione in minorità di un genere sull'altro segna il confine tra l'umano e l'animale. Non a caso un detto afferma, in ogni lingua e ad ogni latitudine, che l'animale uomo è l'unico a mentire, rubare e stuprare deliberatamente per ottenere ciò che vuole. Marchiare il territorio, definire il possesso, declinare la subordinazione: questo è lo stupro. Oggi Mukhtar si è detta fiduciosa nella giustizia, e determinata a non lasciare il suo villaggio, le sue piccole alunne, nonostante sia inimmaginabile la fatica che le deve costare. La sua lotta, però, non è finita.
 
 
Home | Primo Piano | Associazioni | Identità | Corpi | Società | Diritti | Politica | Cultura | Globalizzazione | Cerca | Contatti | Links |

Valid CSS!

Calendario Eventi
Maggio 2019
Do Lu Ma Me Gi Ve Sa
2829301 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31 1
Notizie siti collegati

Unione Femminile

Centro Progetti Donna
© 2019 portaledonna - webmaster
Joomla! è un software libero realizzato sotto licenza GNU/GPL..