portaledonna - Inchiesta sui Pacs
Home arrow Diritti arrow Inchiesta sui Pacs
Lunedý 25 Marzo 2019

Login





Password dimenticata?
Nessun account? Registrati
 
Annuncio Pubblicitario
Inchiesta sui Pacs | Stampa |
Matrimonio, il 35% dei gay dice "sý", il 18% vuole i Pacs
Inchiesta di Gay.it. Prodi: "Giusto regolare le convivenze"
Da Liberazione del 21 luglio 2005

In Italia un gay su quattro rifiuta il matrimonio. Il dato emerge da un sondaggio compiuto dal sito internet Gay.it, primo media per la comunitÓ omosessuale italiana. Anche se una legge lo permettesse, il 25% di loro non convolerebbe a nozze per nessun motivo e il 2,4% dice che forse non lo farÓ mai. Il 14.5% degli omosessuali si dice pronto a sposarsi domani se ce ne fosse la possibilitÓ e il 20.8% sostiene, qualora fosse possibile, di essere certo di sposarsi prima o poi.

Al sondaggio hanno risposto 840 utenti in 8 giorni. Gli incerti, che dicono "forse un giorno", sono il 16,5%; il 2,6% non si Ŕ proprio fatta un'idea sull'argomento. Mentre sono il 18,3% quelli che preferirebbero un Pacs, i Patti Civili di SolidarietÓ promossi inizialmente dall'Arcigay e poi da tutto il centrosinistra (Ds, Verdi, Prc, Pdci, Sdi e una parte della Margherita) e da uno schieramento laico proveniente dalle file di Forza Italia guidato da Dario Rivolta.

"uno scatto d'orgoglio da parte dei gay - afferma Giulio Maria Corbelli, coordinatore di redazione di Gay.it - che non accettano di dover modellare le loro relazioni in base al modello tradizionale eterosessuale".

"Evidentemente la strada seguita dal movimento glbt (gay, lesbische, bisessuali e transessuali) in Italia Ŕ quella giusta" - commenta afferma Alessio De Giorgi, presidente di Gay. it - "Nel nostro Paese non rivendichiamo il diritto al matrimonio, ma quello della tutela legale della coppia che deriva dal Pacs, il patto civile di solidarietÓ".

Se il centrosinistra andrÓ al governo, il giorno in cui verranno approvati i Pacs - che regoleranno le coppie di fatto, etero e omosessuali, garantendo loro alcuni benefici che oggi sono concessi solo alle coppie sposate, come la reversibilitÓ della pensione o il diritto all'assistenza reciproca in caso di malattia - potrebbe essere vicino. Romano Prodi, candidato alla guida dell'Unione, ieri ha infatti affermato che, senza equiparare una convivenza ad un matrimonio, "un governo deve preoccuparsi dei diritti di tutti i cittadini e della necessitÓ di disciplinare i problemi giuridici e civili anche di coloro che scelgono di vivere insieme stabilmente in forme diverse dal matrimonio".
 
 
Home | Primo Piano | Associazioni | IdentitÓ | Corpi | SocietÓ | Diritti | Politica | Cultura | Globalizzazione | Cerca | Contatti | Links |

Valid CSS!

Calendario Eventi
Marzo 2019
Do Lu Ma Me Gi Ve Sa
24252627281 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31 1 2 3 4 5 6
Notizie siti collegati

Unione Femminile

Centro Progetti Donna
© 2019 portaledonna - webmaster
Joomla! è un software libero realizzato sotto licenza GNU/GPL..